[bsa_pro_ad_space id=1 link=stesso] [bsa_pro_ad_space id=2]

Vai al contenuto

Legislazione

L'Agenzia nazionale delle telecomunicazioni del Brasile ordina il blocco dei siti senza licenza a Rio

By - 8 luglio 2024

Agenzia nazionale delle telecomunicazioni del Brasile (Anatel) ha inviato una lettera ai fornitori di servizi Internet di Rio de Janeiro per bloccare l'accesso ai siti di scommesse sportive e di giochi on-line che non dispongono dell'autorizzazione della Lotteria dello Stato di Rio de Janeiro Loterj.

Anatel ha ricevuto da Loterj un elenco di 115 aziende che presumibilmente operano illegalmente senza la dovuta autorizzazione. Loterj ha condotto una verifica di queste società e ha confermato che nessuna di loro possiede la licenza per operare nello stato. La lettera richiede agli ISP di bloccare l'accesso agli URL specificati menzionati nella lettera.

In ottemperanza ad una decisione giudiziale emessa dal Tribunale Federale Regionale della Prima Regione, Anatel ha inviato una comunicazione a Serviço Móvel Pessoal (SMP) e Servizio di comunicazione multimediale (SCM) società autorizzate che forniscono servizi nello Stato.

Nel documento, l'agenzia precisa che, in ottemperanza al “comando di determinazione giudiziaria”, Loterj ha verificato la legittimità operativa di 115 siti di scommesse sportive e di giochi on-line, nessuno dei quali possiede “l'autorizzazione di legittimità operativa da parte dello Stato di Rio de Janeiro e /o l’Unione Federale” per operare a livello statale.

Pertanto, l'agenzia aveva dichiarato: "Chiediamo l'immediato rispetto della decisione giudiziaria bloccando l'accesso agli URL elencati", come richiesto da Loterj.

La direttiva arriva dopo che il giudice Pablo Zuniga Dourado ha stabilito che l'Anatel deve verificare la legittimità operativa delle società quotate da Loterj. Anatel ha verificato con Loterj che le società non avevano la licenza per operare nello Stato, come da decisione giudiziaria, e ha confermato che nessuno dei 115 siti ha la licenza e l'autorizzazione per operare nello Stato.

Condividi via
Copia link