[bsa_pro_ad_space id=1 link=stesso] [bsa_pro_ad_space id=2]

Vai al contenuto

Impulso

PandaScore: il mercato statunitense delle scommesse sugli eSport non è ancora all'altezza dello sprint degli sport

By - 11 giugno 2024

Sebbene non abbia condiviso la stessa traiettoria delle scommesse sportive post-PASPA, Oliver Niner, responsabile delle vendite di PandaScore, spiega perché le scommesse sugli eSport hanno il potenziale per un enorme successo negli Stati Uniti.

Le scommesse sportive negli Stati Uniti sono esplose dopo il PASPA, con un furto di terre tra gli operatori mentre i singoli stati legalizzano e iniziano a regolamentare il settore.

Nella maggior parte dei casi, da quando gli operatori hanno aperto i battenti, i clienti sono arrivati ​​a fiumi e con loro anche fatturati colossali.

Essendo uno dei mercati di consumo più grandi al mondo, non sorprende che le scommesse sportive abbiano avuto un'impennata. Ma le scommesse sugli eSport hanno appena mosso i primi passi e devono ancora raggiungere un ritmo costante.

Le scommesse sugli eSport negli Stati Uniti non hanno visto la stessa traiettoria degli sport per diversi motivi, e nel complesso rimane un mercato molto inesplorato con il potenziale per avere un enorme successo.

Regolamento qua, regolamento là

L’approccio stato per stato negli Stati Uniti è il più ovvio degli ostacoli, non solo per gli eSport ma anche per lo sport. Nelle giurisdizioni europee, sono in gran parte gli organismi di regolamentazione nazionali che regolano le scommesse.

Ciò significa che nella maggior parte dei casi la gestione delle parti interessate, i controlli e gli equilibri giuridici e il processo decisionale chiave dipendono tutti da un’unica organizzazione. Se tutto è a posto sei pronto per operare in un intero paese.

Negli Stati Uniti questo accade in ogni singolo stato, ognuno con le proprie specificità, interessi di lobbying e conoscenze diverse su cosa siano gli eSport, per non parlare delle scommesse sugli eSport. Anche se molti stati americani avranno popolazioni più grandi di alcuni paesi europei – il che rende la regolamentazione e le licenze incredibilmente redditizie – avere 50 o più set di questo tipo su cui lavorare rappresenta un ulteriore livello di complessità.

In alcuni stati, gli eSport sono stati completamente esclusi dall'equazione delle scommesse sportive, mentre altri li hanno classificati come "scommesse su eventi" simili a un evento MMA.

Il Colorado è un pioniere per le scommesse sugli eSport, regolamentandolo allo stesso modo degli sport tradizionali: uno dei motivi principali per cui gli operatori e i fornitori che investono negli eSport sono entrati nella giurisdizione attraverso partnership o licenze dirette.

Il lancio da parte del Kentucky della regolamentazione delle scommesse sportive a settembre ha incluso gli eSport in modo simile, inclusi non solo i principali titoli di scommesse sugli eSport come Counter-Strike, League of Legends e Dota 2, ma anche il sempre crescente Valorant e altri titoli come Call of Duty e Rainbow. 6.

Prodotti e titoli realizzati per il pubblico statunitense

La regolamentazione è ovviamente solo un pezzo del puzzle, con acquisizione, coinvolgimento e prodotti di qualità che offrono ai giocatori una buona esperienza, tutti elementi importanti per il successo delle scommesse sugli eSport negli Stati Uniti.

Ciò che emerge chiaramente dal boom delle scommesse sportive negli Stati Uniti è che i parlay e le combinazioni dello stesso gioco sono immensamente popolari, cosa che gli eSport fanno molto bene. Diversi fornitori nel settore hanno lanciato prodotti per la creazione di scommesse specificamente pensati per le scommesse parlay e le combinazioni dello stesso gioco e hanno già riscontrato un'accoglienza incredibilmente positiva nei mercati al di fuori degli Stati Uniti.

La preferenza degli scommettitori americani verso le scommesse parlay è un comportamento per molti versi simile alla partecipazione alla lotteria: contro ogni previsione, hai vinto con una grande sensazione. Le scommesse sugli eSport sono perfettamente posizionate per catturare questi sentimenti e sentimenti attraverso prodotti comprovati e già esistenti.

Inoltre, possiamo essere più sicuri di sapere a quali titoli di eSport sono interessati gli scommettitori rispetto a diversi anni fa. Sebbene gli Stati Uniti seguano le tendenze globali in molti modi, ci sono alcune eccezioni degne di nota.

Call of Duty è immensamente popolare rispetto ad altre regioni, il che non sorprende affatto considerando quanto sia focalizzata la Call of Duty League professionale sul mercato statunitense. Negli ultimi 12 mesi, entrambe le ex squadre europee si sono trasferite da Londra e Parigi rispettivamente a Charlotte, nella Carolina del Nord e a Las Vegas.

In attesa che le acque si depositino

In questo momento tutta l'attenzione dei grandi operatori come DraftKings e FanDuel è rivolta alle scommesse sportive e a come ottenere quanto più spazio possibile. Quando la corsa per accaparrarsi quanto più territorio possibile inizia a rallentare e gli operatori iniziano a dedicare più risorse alla ristorazione della loro offerta, è fondamentale che le scommesse sugli eSport siano pronte a iniziare una corsa e poi uno sprint.

Gli operatori rialzisti che vedono il potenziale del pubblico dei Millenial e della Gen Z si stanno già posizionando per assicurarsi la maggior parte possibile del segmento. Sia gli operatori che i fornitori dovrebbero fare esercizi di riscaldamento e indossare le scarpe da corsa perché quando le scommesse sugli eSport decolleranno negli Stati Uniti, coloro che si saranno preparati bene saranno ricompensati con un verticale che sarà assolutamente enorme e sarà il futuro della tua attività.

Condividi via
Copia link